La società dei magnaccioni

Fatece largo che passamo noi
li giovanotti de sta Roma bella
semo ragazzi fatti cor pennello
e le ragazze famo ‘nammorà
e le ragazze famo ‘nammorà.
  Ma che ce frega,
ma che ce ‘mporta
se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua
e noi je dimo e noi je famo:
"C’hai messo l’acqua e nun te pagamo"
ma però
noi semo quelli
che j’arisponnemo ‘n coro:
"è mejo er vino
de li castelli che de ‘sta zozza società"
 
E si per caso la società more
se famo du’ spaghetti amatriciani
appresso ‘n par de doppi frascatani,
s’ambriacamo e ‘n ce pensamo più,
s’ambriacamo e ‘n ce pensamo più.
  Ma che ce frega
ma che ce ‘mporta
se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua
e noi je dimo, e noi je famo:
"C’hai messo l’acqua e nun te pagamo"
ma però,
noi semo quelli che j’arisponnemo ‘n coro:
"è mejo er vino
de li castelli che de ‘sta zozza società"
 
Ce piaceno li polli,
l’abbacchi e le galline
perché so senza spine e
nun so come er baccalà.
  Ma che ce frega
ma che ce ‘mporta
se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua
e noi je dimo, e noi je famo:
"C’hai messo l’acqua e nun te pagamo"
ma però,
noi semo quelli che j’arisponnemo ‘n coro:
"è mejo er vino
de li castelli che de ‘sta zozza società"
 
La società dei magnaccioni,
la società della gioventù,
a noi ce piace da magnà e beve
e nun ce piace da lavorà.

 

AVANTI INIZIO INDIETRO